Diary

Campagna Lilt: prevenzione più importante degli addominali della Tatangelo!

7 ottobre 2015
Lilt-Anna Tatangelo

Il seno. Simbolo assoluto di femminilità, dolcezza, morbidezza. Il seno della madre che nutre e protegge, cuscino e rifugio, fino a quando il pudore di adolescente ti porta ad una giusta distanza. Ma il seno resta per tutti, nell’immaginario e nel cuore, una bellissima parte del corpo, cosi vicina al cuore delle donne. Così speciale.In questi giorni sta facendo grande clamore la campagna LILT (Lega Italiana per la Lotta Tumori) che ha come testimonial Anna Tatangelo. Ho letto di tutto, dalle reazioni piu’ razionali a quelle assolutamente eccessive e che superano il limite della buona educazione.

Anna Tatangelo è un personaggio popolare, conosciuto da tutti, che piaccia o meno la sua musica. Il fatto che si sia prestata alla campagna Lilt è un fatto positivo perché è fortemente riconoscibile e attrae l’attenzione. Ma veniamo alla foto “incriminata”. La cantante appare in tutta la sua bellezza, con addominali scolpiti, un seno prosperoso (che non ha nascosto di aver ritoccato) e uno sguardo che qualcuno ha definito “ammiccante” ma che sinceramente trovo sempre in linea con l’immagine pubblica di Anna (per il mio gusto personale, in questo caso, un po’ troppo artefatta). Ora le cose sono due: intanto se ne sta parlando molto, e questo mi auguro favorisca la sensibilizzazione al tema della prevenzione invece che essere puro gossip. Poi, ho pensato, forse il messaggio voleva essere anche un altro: anche un corpo apparentemente sano e sportivo, può nascondere il tumore. Perché questa malattia non fa distinzioni di età, ceto, forma. E questo messaggio lo condivido in pieno.

Certo, forse le donne non si riconoscono in questa immagine: un corpo perfetto e un trucco curato possono distrarre dal vero senso della campagna. Anche io avrei preferito vedere Anna Tatangelo all’acqua e sapone, piu’ vicina all’immagine di ragazza qualunque invece cha alla diva. Posso solo immaginare come una donna che ha già vissuto l’esperienza della lotta al tumore, trovi fuori luogo questa immagine. Ma credo anche fortemente che il lavoro che la Lilt porta avanti sia così importante e continuo, così fondamentale, che sono certo dell’assoluta buona fede di questa scelta. Scelta che non incontra il gusto di tutti magari, ma che sta comunque portando a segno l’obiettivo: non stancarsi mai di ripetere che la prevenzione è l’unica vera arma che tutti abbiamo per trovarci pronti di fronte ad un nemico come il tumore.

In tante famiglie che conosco, ci sono stati casi di tumori. Andati a buon fine perché appunto presi in tempo, o purtroppo no, conclusi con la perdita e il dolore. Credo quindi che sia importante il messaggio. E se non ci piace la Tatangelo in posa, poco male, quello che conta è lo slogan sottostante: FAI PREVENZIONE, PROTEGGILO ANCHE TU!

lilt_2



FullSizeRender

Antonio Machado: Tu che sei in viaggio.

Siviglia 1875-Collioure 1939. E’ stato un poeta e scrittore spagnolo, tra i maggiori di tutti i tempi. Caminante, son tus huellas el camino, y nada mas; caminante, no hay camino,…



IMG_8300

Pablo Neruda: Sonetto d’Amore XI.

Parral 1904 – Santiago del Cile 1973. Per Neruda il sentimento amoroso sta a fondamento della poesia e alla radice del suo stesso essere poeta. Per questo i Cento sonetti d’amore rappresentano…

You Might Also Like

9 Comments

  • Reply Ausilia Rifici 8 ottobre 2015 at 3:01 pm

    Riguardo alla campagna pubblicitaria della LILT che ha scelto come testimonial la Tatangelo…… Credo che si stia facendo una “crociata cattiva” contro il personaggio piuttosto che focalizzare l’attenzione sul problema della malattia. Io dico almeno questa e’ una cosa seria. Pensiamo quante volte viene “sfruttata” l’immagine del sesso x cose più cretine…..x dare l’esempio mi sento più stizzita x l’ultima pubblicità dei Mikado dove si fanno vedere 2 a letto, lui che ingorda un mikado e poi appare la frase ” un coniglio” e si dice mangiando i Mikado fai capire che personalità hai!!!! Cosa più stupida non potevano fare!!! A me la Tatangelo non fa ne antipatia ne simpatia, la trovo una bellissima donna e ha fatto bene a fare la pubblicità xche’ grazie al numero di persone che la seguono può sensibilizzare anche i più giovani xche’ credetemi, quando arriva il cancro non ti chiede mica la carta d’identità!!!! Questo è. Quello che penso io 😊….buona giornata 🙋

    • Foto del profilo di Luca
      Reply Luca 8 ottobre 2015 at 3:13 pm

      Ciao Ausilia, condivido le tue parole.

  • Reply Giada 8 ottobre 2015 at 3:31 pm

    Secondo me il vero problema non è assolutamente la Tatangelo, ma il fatto che invece di pensare concretamente alla prevenzione si pensi solo a far polemica. Questo è un argomento molto delicato, la salute è quello che conta, non di certo gli addominali di Anna. Che lei si sia offerta credo sia un’ottima cosa, fa capire che il rischio è di tutte le donne e che anche quelle in perfetta forma devono comunque fare dei controlli. È davvero inutile fare caos quando ci sono ragazze, donne, che stanno affrontando questo tumore da vicino, lottando ogni giorno per vincere contro questo male. Secondo me è il messaggio quello che conta, non la foto. Grazie per questo post Luca…hai scelto le parole giuste.

  • Reply Lorenzo Mora 8 ottobre 2015 at 4:02 pm

    La gente parla parla ma non sa bene cosa vuol dire avere un simile male come il tumore al seno. Se Anna é stata scelta come testimonial di questa campagna, non bisogna prendersela ne con lei, ne con chi l’ha scelta. Per questo ti do ragione perfettamente: forse si poteva presentare acqua e sapone e non truccata e in superforma ma se la scelta é stata questa, vi saranno state buone ragioni. L’importante non é vedere chi vi é rappesentato, ma il messaggio che questa campagna vuole passarci: la prevenzione e la solidarietà. Buona giornata Luca

  • Foto del profilo di Agata la poetessa
    Reply Agata la poetessa 8 ottobre 2015 at 9:59 pm

    cIAO lUCA! HO APPENA CONDIVISO IL TUO POST SULLA MIA PAGINA FACEBOOK IN QUANTO RITENGO CHE LA PREVENZIONE SIA IMPORTANTISSIMA. NONOSTANTE aNNA tATANGELO NON SIA UNA CANTANTE DA ME SEUITA, IO NON GIUDICO IL SUO OPERATO E GUARDO OLTRE LE APPARENZE. LA GENTE PENSA SEMPRE A FARE PETTEGOLEZZI ANCHE IN SITUAZIONI DIFFICILI ED IMPORTANTI COME QUESTA. IL TUO POST INVITA ARILFETTERE EU SEI DOTATO DI UNA FORTISISMA SENSIBLITà. NELLA MIA FAMIGLIA VI SONO STATI ALCUNI CASI DI CANCRO AL SENO, PERTANTO, PUR ESSNDO SANA, gRAZIE a dIO, OGNI ANNO FACCIO TUTTI I CONTROLLI CONCERNENTI LA PREVENZIONE, VINCENDO TENSIONI E PAURE CHE SICURAMENTE SONO NORMALI. MA MAI, EVITARE GLI OSTACOLI PER PAURA! TI ACCOMPAGNO SEMPRE CON LA MIA POSITIVITà. UN ABBRACCIO. BUONA SERATA E A PRESTO.

  • Reply valeria 8 ottobre 2015 at 10:29 pm

    Mi trovo d’accordo con le considerazioni e la lettura del messaggio pubblicitario del quale, al di là di tutto, resta la bontà del fine :-)

  • Foto del profilo di Luca
    Reply Luca 8 ottobre 2015 at 11:52 pm

    Grazie amici dei messaggi! Mi fa piacere che la pensiate così. Il solo fatto che ne stiamo parlando vuol dire che la campagna ha avuto la risonanza che sperava.

  • Foto del profilo di CHIARA.IT
    Reply CHIARA.IT 9 ottobre 2015 at 2:26 pm

    Ciao Luca, credo che l’origine della questione è la superficialità…
    …la superficialità con cui troppo spesso si guardano le cose…poco ci dovrebbe importare chi è la testimonial e se condividiamo o meno determinate scelte fatte per la campagna, la cosa che dovrebbe catturare la nostra attenzione è ciò che c’è dietro ovvero l’importanza della prevenzione.
    …la superficialità nel modo in cui viene trattato l’argomento, perdiamo tanto tempo a fare polemica e poco o niente a dare/ricevere informazioni a riguardo. La prevenzione è importante ma che significa fare prevenzione? Ecco forse è questo il vero problema, va spiegato:
    la prevenzione del tumore del seno deve cominciare a partire dai 20 anni con l’autopalpazione eseguita con regolarità ogni mese. E’ indispensabile, poi, proseguire con controlli annuali del seno eseguiti dal ginecologo o da uno specialista senologo affiancati ad ecografie e mammografia (biennale dopo i 50 anni ma solo in caso di necessità quando si tratta di donne giovani). Niente fumo, molta attività fisica, mangiare sano…tre cardini per la nostra salute.
    Ho scoperto una forma di tumore benigno (per mia grandissima fortuna!) quando avevo 22 anni, sono stata operata e sto bene. Ho scoperto di averlo grazie alla prevenzione…quella di cui dovremmo parlare…solo quella. Pensiamo alle cose importanti e teniamoci informati.
    Un bacio Luca, un bacio a tutti.

  • Reply gisella 13 ottobre 2015 at 5:04 pm

    luca sei sempre così profondo io , mamma , e tutti ti ringraziamo ., davvero moltissimo sai? per tutto quello che ci scrivi sempre – !!!- in tutti i tuoi post – !!!-

  • Leave a Reply