Lifestyle

Il blazer a doppiopetto: per il giorno o per la sera?

15 ottobre 2015
IMG_8275

Cari Amici,

torno a parlare di stile e scelgo la giacca come capo su cui puntare questo autunno. Il blazer nasce come capo d’abbigliamento esclusivamente maschile, originariamente usato come divisa marinara.
Ci sono due ipotesi sull’origine del nome: la prima vuole che derivi da to blaze, brillare; la seconda, più pittoresca, che un certo ammiraglio, che portava lo stesso nome, la impose nell’Ottocento come divisa per i marinai della sua nave, perché stanco delle uniformi sciatte e poco curate dei suoi uomini. Questi primi modelli uomo erano dei doppiopetto a righe verticali bianche e blu, chiuse da due file di bottoni con lo stemma della marina inglese. Quando la regina Vittoria notò queste uniformi se n’innamorò, e decise di adottarle come uniformi ufficiali per tutti i marinai del regno.
Una volta “sceso dalla nave”, il blazer doppiopetto è diventato una giacca piuttosto casual adatta a tutti i momenti della giornata. La regola la vuole blu scuro con bottoni grandi.
Le occasioni più adatte per indossare il classico Navy blazer sono in manifestazioni sportive, in vacanza (per chi lo è, beati voi amici!) o nei fine settimana, ma il suo luogo ideale è sicuramente in un giardino durante un party o un cocktail serale.

IMG_8279

IMG_8278

Qui mi vedete da Armani, intento a provare il mio prossimo blazer in vista di una serata un po’ formale che si terrà settimana prossima (tenete d’occhio il mio blog per sapere dove sarò), con una camicia bianca e un paio di pantaloni color grigio scuro. Il bon ton vuole l’accostamento tono su tono per serate eleganti, quindi in completo per parlarci chiaro, oppure con un chinos beige per i momenti più casual o tendenzialmente d’estate. Infine, ultimo accostamento da tenere in considerazione è quello con il jeans, da evitare però quelli strappati o con sfumature e lavaggi. L’effetto non sarebbe dei migliori. Parola di Capuano 😉



DSC_0815

C’era una volta a Milano: una visita da Al Pascià

Ero a Milano qualche settimana fa, quando ancora non c’era questo caldo caraibico, e mi sono ritrovato a passeggiare vicino al Duomo. Ho tanti ricordi dei miei anni a Milano,…



FullSizeRender 3

Quanto mi piacciono i Chelsea Boots!

Cari amici, forse non sapete che sono appassionato di vintage. In particolare se si tratta di accessori ne ho sempre scovati d’interessanti curiosando nei mercatini e nei negozi specializzati. La…

You Might Also Like

4 Comments

  • Reply costanza 15 ottobre 2015 at 7:54 pm

    ciao luca! è la prima volta che ti scrivo qui!! posso consigliarti un brand marchigiano di capispalla da uomo? si chiama Lardini. E’ una famiglia che ha costruito dal nulla un’azienda dalle mie parti, Filottrano, nelle Marche. Visita pure il sito… Classe, stile, eleganza, classico e moderno insieme, gusto 100% italiano. Io mi servo da loro perché da poco hanno inaugurato la collezione donna… magari puoi consigliarlo a Carlotta!!! Se vuoi qualche info in più e se ti interessa chiedimi pure. Hanno vinto il Pitti uomo quest’anno a Firenze! Sono il TOP!!
    Baci
    Costanza

  • Foto del profilo di Agata la poetessa
    Reply Agata la poetessa 15 ottobre 2015 at 9:06 pm

    Grazie,, è davvero interessate la storia del blazer. sei un esempio concreto di eleganza e di stile. Magari questo evento fosse in Sicilia… chissà… buona serata. un bacio.

  • Reply Giada 15 ottobre 2015 at 9:51 pm

    Buona serata Luca! A mio parere il blazer è una giacca elegante adatta ad eventi formali soprattutto serali. I colori migliori sono il nero, il rosso scuro, il grigio ma anche il blu. Dalle foto si vede che il blazer ti dona molto. Esistono anche blazer femminili, che a volte indosso per occasioni speciali. Prediligo il nero, ma i colori più chiari fanno sempre la loro bella figura. Grazie per la “lezione di stile”!!
    P.S. Luca peccato che gli eventi nella mia Parma non siano alla tua altezza! Sarebbe bella una serata speciale con ospite Luca Capuano!
    Salutoni!!!

  • Foto del profilo di Caterina
    Reply Caterina 16 ottobre 2015 at 1:39 pm

    Con te c’è sempre qualcosa da scoprire ,non ci si annoia mai …grazie sempre per quello che ci racconti e per le poesie un abbraccio e a presto in TV …(la mancanza si sente)

  • Leave a Reply