Diary

Auguri donne, ma non solo oggi!

8 marzo 2016
Immagine JPEG-227ED71E5A9D-1

Oggi è l’8 marzo. Di questa giornata ricordo fin da bambino il profumo delle mimose e quel giallo acceso e allegro. Baci e abbracci, amiche che prendono il the, ragazze che escono in gruppo, notizie al tg. Venditori di mimosa ai semafori, cioccolatini con mimosa annessa, un bel po’ di “merchandising” per dirla in maniera moderna. Poi a scuola ci spiegavano ogni anno perchè la “Festa della donna” è celebrata l’8 marzo. Anche sull’origine e il motivo della data ci sono diverse versioni, ma è universalmente riconosciuta come “Giornata internazionale della donna”.

Al di là del marketing che ruota attorno ad ogni ricorrenza, che personalmente non amo, credo che la festa della donna perda spesso il suo significato originario per lasciare spazio a battute, regalini e quelle tremende cene con spogliarellista muscoloso di turno. Tutto ciò, per carità, a chi piace, libero di farlo anche i restanti 364 giorni dell’anno. Ma l’8 marzo un po’ mi spiazza. Da una parte mi sembra giusto festeggiare la donna, per ricordarci che per ottenere alcuni diritti inalienabili le donne hanno dovuto combattere battaglie dure, pesanti, e aspettare, e ancora lottare. E non è finita! In alcuni paesi la diseguaglianza di genere è ancora a livelli medievali. Ma una giornata in un anno? Ok, direte. Le ricorrenze sono formalità, e se servono a risvegliare in qualcuno ancora assopito un qualche ragionamento…ben vengano. Ma l’8 marzo è riduttivo, donne.

Una mimosa, un regalo, entrare gratis nei musei, si, va bene. Ma voi donne siete oltre. Mi spiego meglio: fino a quando si dovrà parlare di “quote rosa”, di allineamento delle retribuzioni, di “festa della donna”, ecco, vorrà dire che ancora siamo lontani dall’obiettivo. Non si tratta semplicemente di parità, ma di superare quel concetto per cui “le donne…”. Ma vi ricordate dell’odiosa espressione “il sesso debole”??? Debole? Noi uomini abbiamo di fronte ai nostri occhi fin dalla nascita la forza delle donne. La maternità, quella fisiologica, certo. Ma anche quella da madri adottive. Le donne hanno forza e determinazione nella scelta di fare, avere, cercare, crescere i figli. Una donna è forte anche quando sceglie di non averli i figli, perché la società la giudicherà, l’additerà come “egoista” o “carrierista”.

La donna è sottoposta al giudizio, sempre e piu’ dell’uomo. Del resto, fin dalle antiche scritture, non è forse la donna indicata come colei che ha spinto l’uomo a cogliere la mela del peccato?! Che follia ragazzi. Che assurdità! Le innegabili differenze di genere sono ricchezza, bellezza, opportunità. Ci si può ridere su, scherzare, in una serata tra amici. Quanto ci divertiamo a volte, a giocare sui piu’ retrogradi concetti di femmina e maschio? Ma altro è quando si parla di diritti, di equità, di pari opportunità. Le donne non vogliono essere “uguali” agli uomini – per carità!- esigono, giustamente, di essere trattate a livello civile, professionale, personale, allo stesso modo.

In questi giorni è nelle sale il film “Suffragette”, che racconta la storia della battaglia delle donne inglesi (1912) per ottenere il diritto di voto. Bene, festeggiamo così, andiamo a vederlo. Andate con i vostri amici, amiche, mariti, amanti, fratelli, genitori. Andate ed emozionatevi, e sentitevi orgogliose, perché un giorno non basta a festeggiarvi, ma sicuramente serve ad esservi riconoscenti per tutta la grazia che portate alla vita!

Donne importanti della mia vita…

IMG_0123

Io con mia nonna Giulia

IMG_0855

Mia madre con papà

FullSizeRender

Al mare con mia moglie

 



Foto Vanity

Il Pianeta Terra è in pericolo. Parola di Premio Oscar.

Ci rendiamo conto che il pianeta è casa nostra?! Grazie Leo per averlo detto in mondovisione! Della sfavillante notte degli Oscar, che gli appassionati di cinema seguono nonostante il fuso…



moda-la-diversita-che-non-ce-1050x550

Apparire ed Essere

Come è difficile essere genitori in un mondo tutto rivolto alle apparenze. Osceno. Così pare sia stato definito uno spot in cui alcune donne morbide, normali, in salute, pubblicizzano una…

You Might Also Like

7 Comments

  • Reply Agata 8 marzo 2016 at 1:05 pm

    Buon giorno, Luca! Sono onoratissima di leggere questo tuo bellissimo post che condivido pienamete! Grazie di cuore per gli auguri e per il consiglio in merito al cinema. Anch’io ritengo che la giornata di oggi sia un simbolo perchè la donna deve essere amata e rispettata sempre! per me oggi è sempre un giorno particolare perchè è il Compleanno di mia madre quindi a casa nostra in qualche maniera si è sempre festeggiato per questo motivo. dobbiamo ricordare quelle filatrici di cotone di Boston che propri in questo giornom persero la vita in u incendio doloso ma dobbiamo ricordare anche tutte le donne che hano combattuto e continuano a farlo per ottenere i giusti diritti. Su facebook mi hanno inserita in ub gruppo di pari oportunità dell’unione Italiana ciechi ed Ipovedenti e ne vado fiera perchè anche le done nonvedenti lottano per farsi valere e non devono essere discriminate o sminuite solo perchè non hanno la vista. La gente di mntica una cosa che la donna ha sempre un sesto senso che non le tradisce mai! Io sono uscita con sole amiche una volta sola ma tanto per fare un po’ di baldoria e poi ero ancora single. non ho mai partecipato a spogliarelli perchè non mi interessano queste cose! Uno dei ricordi più belli di questa festa che desidero condividere con te è quello del 1993, quando presso l’Istituto professionlale per nonvedenti, organizzarono uno spettacolo teatrale al quale presi parte con una mia poesia, certo rispetto a quelle di adess è molto più adolescenziale, comunque alla fine del post, ti permetto di leggerla. Terminato lo spettacolo cirecammo ad un cabaret siciliano dove le risate pazze si sono susseguite per ore. Adesso, giunta ai miei 37 anni, ti dico che questa festa ha preso ilv ero valore in quanto la condivide con il mio uomo che mi ama e rispetta ogni giorno della ostra vita insieme ed è bellissimo potergli ricambiare il mio senntimento. prima di salutarti, desidero parlarti di una cosa, c’è una mia amica di Trieste, appassionata di sceneggiatura e drammaturgia che vorrebbe creare un progetto con me. saremmo interessate alla creazione di cortometraggi o qualcosa di simile. lei ha già scritto delle cose che vorrebbe farmi leggere ma il tema del nosro progetto è la ricerca delle fragra nze degli anni 80. Avresti qualche idea? Hai qualche idea?,Potrebbe ibntressarti? come potremmo approfondire l’argomento? io le avevo detto di scriverti anche su fb ma lei mi ha detto che è timida e si vergogna e mi ha detto di farlo io. le ho già suggerito la tua pagina fbe dif<atti è tra i tuoi followers. attendo una tua risposta quando potrai. Ecco la poesia. Intanto ti saluto, ti mando un forte abbraccio eg razie sempre per questi spazi che condividi!
    Un Tempo credevo
    Un tempo credevo che il mio cuore servisse solo a battere.
    Adesso ho capito che il cuore non si comanda e che quando si è innamorati, il cuore trasmette le sensazioni d'amore alla mente; e so anche che,se non riuscirò a comunicare a colui che a mo ciò che provo, il cuore, battendo, parlerà al posto mio e colui che amo… ascolta il mio cuore.
    Listen To Your heart.

  • Foto del profilo di gisella vescogni
    Reply gisella vescogni 8 marzo 2016 at 4:44 pm

    8 marzo 2016- festa della donna – !!!- martedì !!!-
    8 marzo 2016 – festa della donna – !!!- martedì !!!-
    ciao a tutti quanti , a tutte quante , chi vi scrive è gisella vescogni , la responsabile di tutto.
    voglio augurare , a me stessa , gisella vescogni ,- a mia mamma maria rosa – alle nostre parenti – a tutte le donne che conosco – a tutte le donne del mondo – alle mogli di due degli attori di cui ho i club – katarina raniakova moglie di alex belli – e carlotta lo greco capuano moglie di luca capuano e alle loro parenti – si a tutte le donne del mondo che esistono – buona festa della donna – felice – che ognuna di noi sia felice –
    io lo sono senz’altro perchè la vodafone è molto generosa , ci regala un giorno gratis , intero , l’hanno fatto anche domenica 14 febbraio 2016 – e lo fanno spesso durante l’anno , in diverse occasioni ricorrenze ci regalano 1 giorno gratis di internet – ( 24 ore) –
    bene è tutto !
    ho finito !
    vi saluto caramente !
    in fede !
    gisella vescogni !!!!-
    come sempre !!!!!!-
    ariciaoooooooooo !!!!!!!!!!-
    io cerco sempre di avere un approccio positivo della vita –
    così come mia mamma !!!-
    e spero lo facciate anche tutti- tutte voi . !!!!!!-

  • Reply CHIARA.IT 8 marzo 2016 at 9:56 pm

    We we…bhe?!…E la foto con me dove sta?!…mi snobbi così…:-D…ovviamente scherzo 😛
    Grazie degli auguri…condivido ciò che scrivi e condivido con te queste belle parole recitate una volta dal mitico Roberto Benigni:
    “State molto attenti a far piangere una donna,
    che poi Dio conta le sue lacrime!
    La donna è uscita dalla costola dell’uomo,
    non dai piedi perchè dovesse essere pestata,
    né dalla testa per essere superiore,
    ma dal fianco per essere uguale…
    un po’ più in basso del braccio per essere protetta
    e dal lato del cuore per essere Amata.”
    P.S. Bando alle feste con spogliarellisti annessi…si salvi chi può…sto tanto bene sul divano di casa mia con mio marito…
    Baci Luca, grazie ancora.

  • Reply francesca 8 marzo 2016 at 10:00 pm

    ciao Luca purtroppo nn tutti gli uomini la pensano cm te… tanti si credono i padroni delle loro donne, nn sanno cogliere il fiore che c’è in loro… :*

  • Reply francesca 8 marzo 2016 at 10:01 pm

    e complimenti hai dei genitori bellissimi e anche una nonna bella :*

  • Reply francesca 8 marzo 2016 at 10:05 pm

    ho dimenticato lla tua splendida e meravigliosa moglie… scusami ìè l’età :*

  • Reply Giada 8 marzo 2016 at 11:01 pm

    Non potevi usare parole più belle ♡♡♡ Grazie davvero Luca!! Tanti auguri alle donne della tua vita!!! Baci 😉

  • Leave a Reply