Diary

Il Pianeta Terra è in pericolo. Parola di Premio Oscar.

6 marzo 2016
Foto Vanity

Ci rendiamo conto che il pianeta è casa nostra?! Grazie Leo per averlo detto in mondovisione!

Della sfavillante notte degli Oscar, che gli appassionati di cinema seguono nonostante il fuso orario, a parte le pagelle sui look delle star, i premi, la commozione e la curiosità di capire come ci si deve sentire in mezzo alla storia del cinema mondiale, mi ha colpito una cosa: il discorso di Leonardo Di Caprio. Sappiamo bene che da mesi sul web impazzano battute, vignette, gif di ogni tipo sul “povero” Leo. Bene, al suo primo Oscar, tanto agognato quanto meritato, Di Caprio coglie l’occasione per dire, ad una platea universale – che non possiamo più far finta che il nostro pianeta stia bene. Ha detto, il buon Leo, testualmente: “Per girare “The Revenant” abbiamo dovuto andare quasi al Polo. Il 2015 è stato l’anno più caldo della storia, i cambiamenti climatici sono una realtà che sta accadendo adesso, dobbiamo smettere di procrastinare, bisogna agire per l’umanità e per le comunità indigene, per i figli dei nostri figli, le cui voci sono poste sotto silenzio dall’avidità di pochi”.

Non smetto di pensarci. Doveva dirmelo Leo? Non lo sapevo già? Certo. Ma poi uno vive, indaffarato, fa la raccolta differenziata (se la fa) e tira a campare. Senza pensare che stiamo maltrattando il pianeta, la nostra madre natura, tutto ciò che ci permette di nascere, crescere, vivere. Siamo forse così presi dal virtuale che non ci accorgiamo che a forza di far finta di nulla un bel giorno alzeremo lo sguardo dai nostro tablet…e?cosa vedremo? O meglio, coda vedranno i miei nipoti, pronipoti? Potranno ancora fare il bagno al mare? Cogliere un frutto da un albero, passarlo sulla maglietta e morderlo?! O saranno costretti a mangiare frutti da serra senza gusto, perfetti, finti e del tutto ogm?
A tale proposito, Ban Ki Moon, segretario generale delle Nazioni Unite, ha scritto:

“Il cambiamento climatico sta influenzando la vita e i mezzi di sostentamento in tutto il nostro fragile pianeta. Conflitti brutali e apparentemente ingestibili, estremismo violento, crimine transnazionale e crescenti disuguaglianze stanno sconvolgendo la vita di milioni di uomini, donne e bambini, destabilizzando intere regioni. Mai così tante persone, dai tempi della seconda guerra mondiale, sono state costrette ad abbandonare le proprie case”.

E quindi, mentre scrivo e guardo dalla finestra un bell’albero svettare verso il cielo, ancora azzurro, mi chiedo “cosa posso fare per amare e rispettare di più il mio pianeta? Come posso “consegnarlo” nel miglior modo possibile alle generazioni future?”. Cerco di farlo con piccoli gesti quotidiani, scegliendo prodotti bio, che non sperimentino su animali, usando meno la macchina e la moto e più la bicicletta, portando i miei figli al parco invece di lasciarli davanti a pc e TV, ma non vi nascondo che sento una grande inquietudine. E voi? Che rapporto avete con questo tema? Come lo vivete?

IMG_4356

IMG_2232



gianfranco-rosi-berlino006-1000x600

FUOCOAMMARE. Se il cinema italiano trionfa a Berlino, che ne dite di invadere le sale?

Fuocoammare di Gianfranco Rosi, unico italiano in concorso al Festival Di Berlino, ha vinto l’Orso d’Oro come miglior film. Rosi è stato premiato da Maryl Streep, che ha definito il…



Immagine JPEG-227ED71E5A9D-1

Auguri donne, ma non solo oggi!

Oggi è l’8 marzo. Di questa giornata ricordo fin da bambino il profumo delle mimose e quel giallo acceso e allegro. Baci e abbracci, amiche che prendono il the, ragazze…

You Might Also Like

7 Comments

  • Reply Agata 6 marzo 2016 at 5:44 pm

    Buon pomeriggio domenicale, Luca! Con i tuoi piccoli gesti quotidiani, devo dirti che sei sulla buona strada. noi siamo salutisti e cerchiamo sempre di condurre una vita sana, di rispettare la natura e di prendere tutto ciò che essa ci dona. Si fa quel che si può. Purtroppo, l’industrializzazione e l’evoluzione nonostante abbiano portato il progresso, hanno anche recato dei danni alla natura. La cosa im portante a mio parere è educare anche i bambini al rispetto della natura. Noto con piacere che le scuole creano molti progetti sull’educazione ambientale ed i bambini le accolgono con entusiasmo. Già da quando frequentavo le scuole elementari e medie, gli insegnanti si impegnavano in questi progettio. Oggi ne abbiamo ancora più bisogno perchè comunque i bambini spesso sono troppo legati alla televisione ed ai videogames eperdono il contatto con la realtà. Bisogno catturare la loro attenzione ed il loro entusiasmo. ricordo quando nel 2013, durante una settimana verde il Val Di Non, visitammo una fattoria che si impegnava per l’appunto in progetti per scolaresche. La proprietari ci raccontò che durante un laboratorio deibambini le ponevano domande su come sia possibile che esistano animali come le mucche e i cavalli e la cosa l’ha particolarmente impressionata. questo dimostra che si può fare ancora di più. Mi congedo da te con una riflessione: è giusto ciò che tu dici,bisogna colgiere anche l’essenza delle cose e delle persone, non soltanto le apparenze… Un bacio.

  • Reply Giada 6 marzo 2016 at 10:57 pm

    Caro Luca nel mio piccolo cerco di dare un contributo. I prodotti biologici a casa mia sono all’ordine del giorno e cerco di non consumare cibo ma piuttosto di riutilizzarlo quando rimane! Abito fuori città quindi non sempre posso utilizzare la bici ma i mezzi pubblici li utilizzo tutti i giorni! C’è gente che dice “perché devo farlo proprio io??” Credo sia questa la rovina del pianeta! Se tutti guardassero al di là del proprio orticello forse ci sarebbero dei risultati buoni. Speriamo bene Luca :-)

  • Reply CHIARA.IT 7 marzo 2016 at 9:21 am

    Con ansia…lo vivo con timore…ciao Luca…
    in effetti quando Leo ha ricevuto il premio tutti (compresa me) si aspettavano un discorso diverso e lui invece ci ha stupito ancora una volta…è dai tempi di Titanic che lo seguo…eh già i tempi di Titanic, anno 1997…avevo 12 anni, la generazione degli anni ’90…quando uno squillo sul cellulare significava “Ti penso”, due squilli “Chiamami” :), ma ci si chiamava poco e si usciva di più e si usava molto il telefono di casa (ah quando arrivavano le bollette! :-D)…le Estati caldissime, la vera Estate…le 4 stagioni…dove sono finite?…Tante cose sono cambiate…troppe! :/
    Nel mio piccolo cerco di fare qualcosa…più o meno quello che fai tu, ma mi sembra sempre troppo poco…altre volte non so che fare in quanto vengono fatte delle scelte che non condividi ma non puoi fare molto per contrastarle…se penso che ancora si aprono discariche mi sento davvero avvilita…
    spero che tutto cambierà di nuovo ma stavolta in meglio, e noi?!…come diceva un bellissimo film che porto sempre nel cuore: “E io?…Speriamo che me la cavo” 😉

  • Reply CHIARA.IT 7 marzo 2016 at 11:15 am

    Oi…ma oggi è il tuo compleanno giusto?! :)…tanti tanti auguri…divertiti 😉

  • Reply Beatrice 7 marzo 2016 at 3:11 pm

    Buon Compleanno Luca !!!

  • Reply Giada 7 marzo 2016 at 4:43 pm

    Caro Luca tantissimissimi auguri di buon compleanno!!! 😉 Ti mandano un abbraccio anche la piccola Sofy di 9 anni e mia madre Isabella!! 😉

  • Reply Agata 7 marzo 2016 at 7:35 pm

    ciao Luca, sul mio profilo della chat, troverai una dedica per te! Ancora un mondo di Auguri!! T.V.T.B.

  • Rispondi a Beatrice Cancel Reply