Browsing Tag

mangiarbene

    Lifestyle

    SI AVVICINA LA PROVA COSTUME. CHE DIETA SCEGLIERE?

    7 aprile 2016
    img_0140.jpg

    Quella del Frate o delle Star? La vostra!

    Lo so bene come vi sentite. Credete che per me sia molto diverso? Certo, ho la fortuna di essere di “costituzione” abbastanza longilinea, ma non crediate che anche io non faccia sacrifici, rinunce per restare in forma! Si avvicina quella maledetta, puntuale, inevitabile “prova costume”. Il sole brilla alto nel cielo, e mentre siamo là a sognare di acque cristalline, cocktail di frutta e nuotate, con gli occhi chiusi e il sorrisino ebete, ecco che la mano si appoggia placida sui rotolini di pancia….fine del sogno. Diventa un incubo. Ci alziamo e andiamo davanti allo specchio. Profilo 1, profilo 2, pancia fuori, pancia dentro. Anche quest’anno. Non è possibile, e invece si! E’ appena passata Pasqua quindi il rotolino è più vivo che mai. Niente paura. Basta “gugolare” dieta veloce sul pc e tac! Escono seimila risultati. Diete di ogni genere. Del minestrone, del riso, mediterranea, iperproteica, iper e ipo qualsiasi cosa. La dieta del frate, quella della monaca, quella delle star, quella degli sportivi. Quella “mangia quello che vuoi ma bevi acqua e limone al mattino”, quella “frutta e verdura a volontà ma null’altro” che poi se vai in giro che sembri Jack di Shining è il minimo. Per non parlare di quei siti in cui vi propongono di acquistare bacche miracolose, pozioni antigrasso, beveroni sostitutivi, pillole che la notte distruggono il vostro grasso mentre voi dormite tranquilli, magari con lo stomaco stracolmo dopo una cena pantagruelica. Attenzione amici! Ci siamo cascati tutti: perché fare sacrifici allucinanti, sognare i babà, svenire al profumo di una pizza, se posso deglutire due pillole che mi arrivano a casa con la formula “soddisfatti o rimborsati”? Ma tempo che non sei soddisfatto, cosa restituisci? Non dico che non esistano prodotti che aiutano ad ottimizzare i risultati di una dieta, anzi. Ma appunto “aiutano” se noi “seguiamo una dieta equilibrata e a basso indice glicemico (ovvero pochi zuccheri e carboidrati). Esistono prodotti naturali e seminaturali, ma dobbiamo sapere quali sono, farceli consigliare da medici professionisti e ad ogni modo, sempre e comunque impegnarci a mangiare sano. Ma cosa vuol dire? Io che ho sperimentato molti regimi alimentari, posso solo dirvi che ognuno di noi ha la “sua” dieta. Anzi, inizierei a non chiamarla con questo nome spaventoso! Parliamo di educazione alimentare, perché di questo si tratta. La cosa migliore è affidarsi ad una buona visita da un esperto alimentarista, medico, non “improvvisato”. Se credete che siano tutti troppo cari e inaccessibili, si può chiedere aiuto al medico curante, che ci può prescrivere una visita specialistica in convenzione. Questo è senz’altro il modo migliore. Se invece proprio non volete andare dal medico e siete in buona salute, sempre però consultando il medico di base, regolatevi senza assumere atteggiamenti alimentari esagerati. Io faccio così: mangio carboidrati la mattina e a pranzo, dal pomeriggio in poi li evito, mangiando frutta e un secondo con abbondante contorno la sera. Evitate alcool e dolci almeno 5 giorni su 7. Il week end, o quando uscite, non siate ferrei, un bicchiere di vino, una birra, una pizza, se il resto della settimana mangiate sano, non fanno che bene! Vi sembra troppo facile? Vi giuro che funziona! Ve lo dice uno che va pazzo per i dolci. Io mangerei dolci a tutte le ore. E siccome non riesco a farne a meno del tutto, cerco di mangiarli la mattina, in modo da “bruciare” le calorie con tutte le attività che svolgo durante il giorno (compreso correre a prendere i bimbi a scuola!). Se potete fate movimento. Basta camminare in modo spedito almeno 40 minuti al giorno. Parcheggiate lontano, evitate di prendere l’auto ogni volta che possibile. Fine dell’ascensore, su e giù per le scale. Il week end lunghe passeggiate a piedi o in bici. E poi ragazzi…quando vi prende quel momento di voglia pazzesca di qualcosa di dolce o salato ma vitatissimo (tipo pane e salame alle due di notte), lanciatevi su frutta o verdura di stagione. E se poi, proprio vi prende….cedete! ma che sia una volta ogni tanto, e soprattutto, senza senso di colpa. Perché se dolci e grassi fanno ciccia, il senso di colpa fa anche peggio! A proposito, ho appena letto di una fantasmagorica “dieta dei legumi”….io ci provo, voi?? 

    http://www.corriere.it/salute/nutrizione/16_marzo_31/mangiando-ogni-giorno-porzione-legumi-si-perde-peso-340-grammi-de09978a-f72b-11e5-bb62-9cf2392b520a.shtml

    Jogging sulla Corniche di Abu Dhabi